Advertisement

La complessità nella valutazione economica per l’adozione dei sistemi PACS

  • Andrea Giovagnoni
  • GianMario Raggetti

Riassunto

I vantaggi indiscutibili di tipo tecnologico offerti da un sistema PACS e le sue potenzialità straordinarie ai fini della refertazione e della comunicazione (tra i medici e con gli utenti), non possono far dimenticare che la sua implementazione e la sua gestione comportano un notevole impegno di risorse finanziarie, come pure costi di funzionamento non trascurabili [1]. Ciò implica, un’impostazione corretta del piano di implementazione che va corredato con um’analisi accurata, relativa alla consistenza dell’investimento iniziale e al flusso dei costi di esercizio. A tale scopo occorrerà avvalersi di strumenti di valutazione oggettivi e verificabili, come quelli che si propongono di seguito. Solo una presentazione chiara e trasparente del rapporto costi/benefici, relativo all’introduzione di questi nuovi sistemi, può migliorare, in modo significativo, la valutazione della convenienza nel disporre di strumentazioni simili che facilitano notevolmente la comunicazione tra gli specialisti radiologi e gli utenti: tali soggetti, peraltro, dovrebbero essere informati dei costi dei servizi offerti e coinvolti, in qualche modo, nella loro copertura.

Preview

Unable to display preview. Download preview PDF.

Unable to display preview. Download preview PDF.

Bibliografia

  1. 1.
    Cabrera A (2002) Defining the role of a PACS technologist. J Digit Imaging 15(Suppl 1): 120–123PubMedCrossRefGoogle Scholar
  2. 2.
    Honea R (2001) How many people does it take to operate a picture archiving and communication system? J Digit Imaging 14(2 Suppl 1):40–43PubMedCrossRefGoogle Scholar
  3. 3.
    Are PACS administrators necessary, and what skills should they possess? (2002) Diagnostic Imaging Europe 9/2002:32Google Scholar
  4. 4.
    Shook KA, O’Neall D, Honea R (1998) Challenges in the integration of PACS and RIS databases. J Digit Imaging 11(3 Suppl 1):75–79PubMedCrossRefGoogle Scholar
  5. 5.
    Andriole KP, Gould RG, Avrin DE et al (1998) Continuing quality improvement procedures for a clinical PACS. J Digit Imaging 11(3 Suppl 1):111–114PubMedCrossRefGoogle Scholar
  6. 6.
    Mensch B, Honea R, Orand M (1999) Care and feeding of a staff for filmless radiology. J Digit Imaging 12(2 Suppl 1):38–40PubMedCrossRefGoogle Scholar
  7. 7.
    Shullman A (2009) PACS/RIS/imaging. Radiology’s golden age. This multi-site imaging firm improved patient care and its financial standing through RIS/PACS automation. Health Manag Technol 30(2):12–13PubMedGoogle Scholar
  8. 8.
    Mancino PB, Russo TA (2007) What you need to know before purchasing a PACS. J Am Coll Radiol 4(2):92–96PubMedCrossRefGoogle Scholar
  9. 9.
    Dundas DD (2005) Installation of a PACS system. Br J Radiol 78(930):480–482PubMedCrossRefGoogle Scholar
  10. 10.
    Shipp O (2007) How to write a business case. Imaging Management 7(3):36–37Google Scholar
  11. 11.
    Schuster S (2003) Market Update — PACS: Cost-benefits (http://www.imagingeconomics.com/issues/articles/MI_2003-09_04.asp)Google Scholar
  12. 12.
    Khorasani R (2008) Business continuity and disaster recovery: PACS as a case example. J Am Coll Radiol 5(2):144–145PubMedCrossRefGoogle Scholar
  13. 13.
    Andriole KP, Khorasani R (2007) Implementing a replacement PACS: issues to consider. J Am Coll Radiol 4(6):416–418PubMedCrossRefGoogle Scholar

Copyright information

© Springer-Verlag Italia 2012

Authors and Affiliations

  • Andrea Giovagnoni
    • 1
  • GianMario Raggetti
    • 2
  1. 1.Dipartimento di Scienze Cliniche Specialistiche e Odontostomatologiche, Sezione di Scienze Radiologiche, Facoltà di Medicina e ChirurgiaUniversità Politecnica delle MarcheAnconaItalia
  2. 2.Dipartimento di Management, Facoltà di Economia, e Centro Management Sanitario, Facoltà di Medicina e ChirurgiaUniversità Politecnica delle MarcheAnconaItalia

Personalised recommendations