Advertisement

La percezione e la conoscenza

  • Davide Schiffer
Part of the I blu book series (BLU)

Riassunto

Fin dall’inizio degli studi di medicina mi ero chiesto quali potessero essere i fondamenti dell’osservazione al microscopio;questa mi svelava un mondo fissato, paraffinato, colorato e soprattutto ingrandito o semplicemente manipolato che nella realtà non c’era. Era un mondo fittizio che serviva da codice tra me e la realtà? Ho continuato a pormi questa domanda dopo pochi anni di esperienza al microscopio e ho continuato a pormela in tutta la mia carriera. La risposta che mi davo variava progressivamente con l’incremento delle mie conoscenze scientifiche e con l’evolversi della scienza in genere. A un certo momento cominciai a pensare che il mondo esterno,oggetto dello studio microscopico, m’inviasse dei messaggi dei quali con quello strumento potevo percepire solo quelli visivi. Ma ancora non è tutto, perché pur limitati a quelli visivi, erano soltanto quelli percepiti che contavano e il primo quesito che avevo cominciato a pormi era la differenza fra il “vedere”e il “percepire”,al quale solamente dopo aver raggiunto una certa preparazione in neurologia potevo tentare di dare una risposta. Comunque nel “percepire”entrava in gioco la psiche e non solo passivamente, come stazione di arrivo degli stimoli, ma attivamente dovendo integrare lo stimolo sensoriale ricevuto nel vissuto.

Preview

Unable to display preview. Download preview PDF.

Unable to display preview. Download preview PDF.

References

  1. 1.
    Simondon G. Cours sur la perception (1964–65), Les éditions de la transparence, Chatou, 2006.Google Scholar
  2. 2.
    Cartesio R. Meditazioni metafisiche, tr. Urbani Ulivi L., Rusconi, Milano, 1998.Google Scholar
  3. 3.
    Locke J. Saggio sull’intelletto umano. Estratti, a cura di G. De Ruggiero, Laterza, Bari-Roma, 1968.Google Scholar
  4. 4.
    Merleau-Ponty M. Fenomenologia della percezione, Il Saggiatore, Milano, 1972.Google Scholar
  5. 5.
    Katz D. La psicologia della forma, Bollati Boringhieri, Torino, 1979.Google Scholar
  6. 6.
    Kanizsa G. Margini quasi-percettivi in campi con stimolazione omogenea, Rivista di Psicologia 1955; 49: 7–30.Google Scholar
  7. 7.
    Rubin E. Visuelle wahrgenommen Figuren, Glydendalske, Copenhagen, 1921.Google Scholar
  8. 8.
    Monticelli B. Percezione Visiva e Design. Come la Mente Vede le Forme, PsicoLAB, Firenze, 2006. Visionato il 13/08/2009 su http://www.psicolab.net.Google Scholar

Copyright information

© Springer-Verlag Italia 2011

Authors and Affiliations

  • Davide Schiffer
    • 1
  1. 1.Dipartimento di Neuro-oncologiaUniversità di TorinoItaly

Personalised recommendations