Advertisement

Il recettore AT1: la fosforilazione, l’internalizzazione e la riattivazione

Estratto

L’inattivazione e l’internalizzazione sono due momenti fondamentali nella biologia del recettore AT1, perché hanno il compito di modulare le sue risposte all’Angiotensina II in rapporto alle esigenze dell’omeostasi (Bunemann e coll. 1999). L’inattivazione attenua infatti la transduzione del segnale ogni qualvolta lo stimolo sia eccessivo o prolungato; mentre l’internalizzazione serve a trasportare il complesso recettore/ligando all’interno della cellula dove esso si dissocia per effetto del pH acido intracellulare, ed i suoi componenti vanno incontro a destini diversi: l’agonista - mediante i recettori putativi presenti nel citoplasma e nel nucleo - espleta le sue azioni autocrine e paracrine, per poi essere inattivato dagli enzimi lisosomiali; il recettore va, invece, a riciclarsi sulla membrana cellulare, per dare inizio ad una nuova cascata di segnali, che sono però GPs-indipendenti (Bunemann e coll. 1999; Thomas 2000; Ferguson 2001).

Preview

Unable to display preview. Download preview PDF.

Unable to display preview. Download preview PDF.

Copyright information

© Springer-Verlag Italia 2007

Personalised recommendations