Advertisement

Bulletin volcanologique

, Volume 7, Issue 1, pp 71–116 | Cite as

Confronto fra lava vesuviana (vesuvite) e altre rocce ignee adoprate per pavimentazione stradale di Napoli

  • Francesco Penta
Notes et Memoires de Volcanologie Présentées à l’Assemblée de Lisbonne

Sunto

Si esamina la petrografia della lava vesuviana, leucitite del Vulcano Laziale, porfido quarzifero di Bronzolo e Laives (presso Bolzano), alcaligranito roseo di Cuasso al Monte e Porto Ceresio (Varesotto) e del granito della Maddalena (Sardegna); si confrontano i risultati, in gran parte inediti, delle prove meccaniche eseguite su questi materiali, fra le quali alcune condotte col preciso scopo del confronto, e si conchiude con l’esprimere il parere che la lava vesuviana, se adopratain cubetti, deve dare risultati soddisfacenti e certamente superiori a quelli che non abbia finora dato, per difetti in gran parte non proprî,nei basolati (lastricati in grandi elementi).

Preview

Unable to display preview. Download preview PDF.

Unable to display preview. Download preview PDF.

Literatur

  1. 1).
    Salmoiraghi F.—Materiali naturali da costruzione, pag. 430, Milano, 1892;Rosenbusch H.,Elemente der Gesteinslehre, pag. 359, Stuttgart, 1901;Dell’ erba L.Geologia applicata alle costruzioni, vol. II, Petrografia, pag. 633, Napoli, 1925.Penta F.,I nostri terreni in rapporto all’ Ingegneria, Annali di Ingegneria, anno V, n.ri 6–7, pag. 14, Napoli, 1931.Google Scholar
  2. 2).
    Carletti N.—Istituzioni di architettura civile, tomo I, pagine 13–14, Napoli, 1772.Google Scholar
  3. 1).
    Melograni G.—Manuale geologico, pag. 281, Napoli, 1809.Google Scholar
  4. 2).
    Tondi M.—Elementi di Oreognosia, pag. 513, Napoli, 1824.Google Scholar
  5. 3).
    Ma ancor oggi questa distinzione si ripete in qualche manuale anche recente.Google Scholar
  6. 4).
    Gioeni G.—Saggio di litologia vesuviana, pag. LIII, Napoli, 1790.Google Scholar
  7. 1).
    Già nel 1855 ilDe Cesare (De Cesare F.La Scienza dell’ Architettura applicata ecc. Napoli 1855) precisava che le lave vesuviane, pur essendo da alcuni chiamatebasalti, poichè alquanto simili al colore ed alla durezza dei basalti descritti da Plinio, non erano tali se non rarissimamente: «Il Basalte è una lava dura, compatta, omogenea, «la quale a preferenza delle altre lave è capace di ricevere la più bella «pulitura... tali sono alcune lave dei sistemi vulcanici di Roccamonfina «e delM. Somma: rarissime nel Vesuvio», egli dice a pag. 11.Google Scholar
  8. 2).
    Rittmann A.—Das Vesuvmagma und seine Entwicklung. Die Naturwissenschaften, Heft 18 (S. 305–320), Berlino, 29 aprile 1932.CrossRefGoogle Scholar
  9. 1).
    Lacroix A.—Les roches grenues d’un magma leucitique étudiées à l’ aide des blocs holocristallins de la Somma. Comptes rendus 165, pag. 205, Paris 1917;Niggli P.,Gesteins-und Mineralprovinzen, B. I. pagg. 105, 179, 186. Berlin, 1923;Holmes A.The nomenclature of petrology, pag. 236, Londra, 1928;Penta F.Rapida scorsa sulla geologia della Provincia di Napoli. Nap. 1932;Penta F.Le lave vesuviane. Marmi, Pietre, Graniti n. 6, A. X. Carrara, 1932.Google Scholar
  10. 2).
    Come d’ altronde già osservavaArcangelo Scacchi; Scacchi A.Catalogo dei minerali e delle rocce vesuviane. Atti R. Istituto Incoragg. di Napoli pag. 49-4a, n. 5, Nap. 1889.Google Scholar
  11. 3).
    Da me calcolate in base al diagramma proposto per le rocce effusive dalNiggli:Niggli P.Die quantitative mineralogische Klassifikation der Eruptivgesteine. Schweizerische Mineralogische und Petrographische Mitteilungen. B. XI, Heft. 2, pag. 356, Zurigo 1931.Google Scholar
  12. 1).
    Rittmann A.Die geologisch bedingte Evolution und Differentiation des Somma-Vesuvmagmas, in Zeitschrift f. Vulk. (XIV, Heft 1–2, Berlino, 1933).Google Scholar
  13. 2).
    Penta F.Lave Vesuviane. Marmi, Pietre e Graniti, n. 6 A. X. Carrara, 1932.Google Scholar
  14. 3).
    Niggli, vedi nota 3) a pag. 74.Google Scholar
  15. 4).
    Rittmann, vedi nota 2) a pag. 73.Google Scholar
  16. 1).
    Salmoiraghi F.Materiali naturali da costruzione, pag. 185 e seg. (Incostanza dei risultati). Milano 1892. Di questo magistrale capitolo del Salmoiraghi il nostro delle lave vesuviane è veramente un bell’esempio.Google Scholar
  17. 2).
    Il granito delle Cave di Cala Francese nell’Isola della Maddalena (Sardegna). Genova, 1932.Google Scholar
  18. 1).
    Sulle leucititi di Capo di Bove ed in genere del Vulcano Laziale vedi:Sabatini V. I Vulcani dell’ Italia Centrale e i loro prodotti: Parte I.Vulcano Laziale. Parte II.Vulcani Cimini: pag. 556 e seg. eAppendice: correzioni ed aggiunte sul Vulcano Laziale (spec. n. 6, sull’origine della nefelina e della calcite) Roma, 1912.Google Scholar
  19. 2).
    Rovereto G.Geologia, pag. 726. Milano 1931.Google Scholar
  20. 3).
    Principi P.Trattato di Geologia Applicata, pag. 346. Milano, 1924.Google Scholar
  21. 4).
    Artini E.Le Rocce, pagg. 449 e 740–741. Milano, 1929.Google Scholar
  22. 1).
    Washington H.The roman comagmatic region, pag. 138 e seg.Washington, 1906.Google Scholar
  23. 1).
    Parona C. F.Trattato di Geologia, pag. 359, Milano, 1924.Google Scholar
  24. 2).
    Rovereto G.Geologia, pag. 250, Milano, 1931.Google Scholar
  25. 1).
    Risorse italiane in materiali naturali da costruzione, pagg. 34–35, Roma 1928.Google Scholar
  26. 1).
    Soc.An. Porfidi di ItaliaPavimentazioni stradali in Porfido. Mantova, 1927.Google Scholar
  27. 2).
    Principi P. — op. cit.Trattato di Geologia Applicata, pag. 341. Milano, 1924.Google Scholar
  28. 1).
    Su queste rocce, sulle cave ecc. si trova qualche cenno in:Vigna A.Un’escursione attraverso le cave del Varesotto. Lo Scultore ed il Marmo, n. 27, Milano, luglio 1933.Google Scholar
  29. 2).
    Artini E.Le Rocce, pag. 408, Ed. 1929.Google Scholar
  30. 1).
    Rovereto G.Geologia, op. cit. pag. 250, Milano, 1931.Google Scholar
  31. 2).
    Artini E.Lezioni di mineralogia e materiali da costruzione, pag. 444, Ed. 1922.Google Scholar
  32. 3).
    op. cit.Artini E.Lezioni di mineralogia e materiali da costruzione, pag. 358 Ed. 1922.Google Scholar
  33. 1).
    Salmoiraghi F.Materiali naturali da costruzione, pag. 184, Milano, 1892.Google Scholar
  34. 1).
    per qualche cenno su questo materiale vedi:Principi P., op. cit.Trattato di Geologia Applicata, pag. 118, Ed. 1924.Artini E.Lezioni di Mineralogia e materiali da costruzione, pag. 436, Ed. 1922.Artini E.Le Rocce, pag. 356, Ed. 1929.Rovereto G. — op. cit.Geologia, pagg. 239 e 725, Ed. 1931.Cortese E. — op. cit. pag. 341, Ed. 1932. Soc.Esp. Gran. Sardi — op. cit., 1932.Google Scholar

Copyright information

© Stabilimento Tipografico Francesco Giannini & Figli 1930

Authors and Affiliations

  • Francesco Penta
    • 1
  1. 1.R. Scuola di Ingegneria di NapoliNapoliItalia

Personalised recommendations