Advertisement

Il Nuovo Cimento (1911-1923)

, Volume 2, Issue 1, pp 159–212 | Cite as

Sulla Magnetizzazione del Ferro Entro a Campi Continui ed a Campi Alternativi

  • L. Lombardi
Article
  • 13 Downloads

Conclusione

Il risultato delle osservazioni precedenti può essere riassunto come segue:
  1. 1.°

    Nelle ricerche intorno alla magnetizzazione del ferro è possibile frazionare questo in elementi così sottili, da rendere completamente trascurabili gli effetti delle correnti parassite della frequenza fondamentale, qualora questa non ecceda un centinaio di periodi al 1’’;

     
  2. 2.°

    La forma di fili cilindrici, il cui diametro non eccede uno a due decimi di millimetro, è perfettamente adatta allo scopo, e, disponendo i campioni in forma di anelli circolari, di raggio non inferiore a un decimetro, la discontinuità del metallo costituente il circuito magnetico non crea al passaggio delle linee di flusso alcuna riluttanza apprezzabile;

     
  3. 3.°

    Assoggettando il ferro in tali condizioni ad una magnetizzazione alternata di frequenza non superiore a un centinaio di periodi per 1’’, comunque varii la forma delle curve di flusso e di forza magnetomotrice, la energia dissipata per isteresi in ogni periodo coincide con tutta l’ approssimazione con quella desunta dalle curve statiche, a parità di induzione massima;

     
  4. 4.°

    Se la magnetizzazione alternata si fa avvenire in tali condizioni, per cui la variazione del flusso segua una legge sinusoidale, mancano completamente le correnti parassite di frequenza superiore, ed i valori della permeabilità dedotti dai massimi della induzione e della forza magnetica, (i quali hanno la medesima fase), coincidono con quelli desunti dalla curva normale di magnetizzazione statica, salvo piccole differenze che verosimilmente sono da attribuire agli errori di osservazione;

     
  5. 5.°

    Se per contro si realizza con disposizioni opportune di risonanza una variazione sinusoidale della forza magnetizzante, la curva del flusso può assumere una forma apparentemente anormale, nella quale il massimo assoluto della induzione precede in fase il massimo della forza magnetomotrice applicata, e supera notevolmente quel valore che a questo massimo corrisponde nella curva statica normale; con questo può invece coincidere sensibilmente il valore momentaneo della induzione alternativa nell’ istante in cui la forza magnetomotrice raggiunge il suo massimo;

     
  6. 6.°

    La causa di questo fenomeno è verosimilmente da ricercare nelle correnti parassite di breve durata, originate dalla variazione estremamente rapida del flusso, le quali nelle condizioni particolari del circuito assumono fase diversa dalle rispettive forze elettromotrici, e possono reagire sulle correnti primarie alterando sensibilmente la grandezza della forza magnetomotrice risultante;

     
  7. 7.°

    Entro i limiti di frequenza realizzati ordinariamente l’ esperienza non permette di verificare con sicurezza la esistenza di una vera e propria viscosità magnetica, e dalla considerazione di essa i risultati attuali, e quelli ottenuti da parecchi altri sperimentatori, permettono di prescindere nella maggior parte dei casi pratici.

     

Preview

Unable to display preview. Download preview PDF.

Unable to display preview. Download preview PDF.

References

  1. 1).
    Estratto dagli Atti dell’Associazione Elettrotecnica Italiana, volume XV, fasc. 421 aprile 1911.Google Scholar
  2. 1).
    Annalen der Physik und Chemic. Neue Folge-Band. 66, anno 1898, pag. 859.Google Scholar
  3. 1).
    E. T. Z. 1895, pag. 488.Google Scholar
  4. 2).
    Ann. de Phys. u 66, pag. 29, 1898,Google Scholar
  5. 1).
    Phil. Mug. 9, p. 102, 1905.Google Scholar
  6. 2).
    Atti Istituto Lombardo 1900-901.Google Scholar
  7. 1).
    E. T. Z. 1905, p. 22.Google Scholar
  8. 1).
    Bulletin of the B. of St., Vol. 5, N. 3.Google Scholar
  9. 2).
    Bulletin of the B. of St., Vol. 4, N. 4.Google Scholar
  10. 3).
    Politecnico di Monaco. 1910, Tesi di dottorato.Google Scholar
  11. 1).
    E. T. Z. 1907, p. 987.Google Scholar
  12. 1).
    Memorie della R. Acc. dei Lincei, Serie 5a Vol. VII, pag. 487.Google Scholar
  13. 1).
    E. T. Z. 1900, p. 233.Google Scholar
  14. 2).
    E. T. Z. 1905, p. 905.Google Scholar
  15. 3).
    Loco citato p. 888.Google Scholar
  16. 1).
    Atti A. E. I. 1911, pag. 15.Google Scholar

Copyright information

© Società Italiana di Fisica 1911

Authors and Affiliations

  • L. Lombardi

There are no affiliations available

Personalised recommendations