Advertisement

Annali dell’Università’ di Ferrara

, Volume 39, Issue 1, pp 123–141 | Cite as

Le università di Copernico

  • Luigi Pepe
Article
  • 20 Downloads

Sunto

Copernico passò dodici anni nelle Università europee dalla sua iscrizione a Cracovia nel 1491 alla sua laurea a Ferrara nel 1503. Questo lavoro illustra, sulla base dei documenti conosciuti, gli studi di Copernico a Cracovia, Bologna, Padova e Ferrara con particolare riferimento agli insegnamenti di astronomia e matematica presso queste Università.

Summary

Copernicus spent twelve years af his life in European Universities, from his matriculation in Cracovia in 1491 to his degree in Ferrara in 1503. Basing on known, documents, this work describes Copernicus' studies in Cracovia, Bologna, Padova and Ferrara, in particular with reference to the teachings of astronomy and mathematics at these Universities.

Preview

Unable to display preview. Download preview PDF.

Unable to display preview. Download preview PDF.

Bibliografia

  1. [1]
    Gli studi su Niccolò Copernico (1473–1543) sono oggetto di una bibliografia speciale:H. Baranowski,Bibliografia Kopernikowska, 1509–1955, New York, 1970 (ed orig. 1958);H. Baranowski,Bibliografia Kopernikowska II, 1956–1971, Warsjawa, 1973;H. Baranowski,Copernican Bibliography, Studia Copernicana, vol. XVII, 1977, pp. 179–201. GliStudia Copernicana sono una collana di volumi editi in Polonia per raccogliere ricerche su Copernico. In Polonia è in atto anche un'edizione in più lingue deiComplete Works di Copernico (Warsaw-Cracow, 3 voll., 1972–85).Google Scholar
  2. [2]
    Le prime celebrazioni Copernicane in Italia furono organizzate da Domenico Berti nel 1873; si vedaD. Berti,Copernico e le vicende del sistema copernicano in Italia, Roma, Paravia, 1876.Google Scholar
  3. [3]
    A. Banfi,Copernico e la cultura italiana, inSesja Kopernikowska 15–16. IX. 1953, Warsjawa, Polska Akademia, 1955, pp. 196–205.Google Scholar
  4. [4]
    Un volume rende conto di queste celebrazioni:Nicholas Copernicus Quincentenary Celebrations, Final Report, Studia Copernicana, vol. XVII, 1977. Per le celebrazioni in Italia si veda:B. Bilinski,Messaggio e itinerari copernicani. Celebrazioni italiane del V centenario della nascita di Niccolò Copernico, Accademia polacca delle Scienze, 1989.Google Scholar
  5. [5]
    T. Kuhn,La rivoluzione copernicana. L'astronomia planetaria nello sviluppo del pensiero occidentale, Torino, Einaudi, 1972, (ed. orig. 1957).A. Koyré,La rivoluzione astronomica, Copernico, Keplero, Borelli, Milano, Feltrinelli, 1966 (ed. orig. 1961). Si veda anche l'opera di uno dei massimi specialisti degli studi copernicani:E. Rosen,Copernicus and Scientific Revolution, Malabar 1984.Google Scholar
  6. [6]
    A. Favaro,Lo Studio di Padova al tempo di Niccolò Copernico, Atti Ist. veneto, s. V, 6 (1879-80), pp. 285–356.Google Scholar
  7. [7]
    O. Paz,Le grandi rivoluzioni estetiche sono dietro di noi, Il Giornale dell'arte n. 108, febbraio 1993, p. 24.Google Scholar
  8. [8]
    Opere di Nicola Copernico, a cura diF. Barone, Torino, Utet, 1979.Google Scholar
  9. [9]
    Lo studio biografico più completo su Copernico è ancora quello diL. Prowe,Nicolaus Coppernicus, Berlin, 1883–84, 2 voll. Ancora interessante èC. Flammarion,Vie de Copernic et histoire de la découverte du sistème du monde, Paris, Didier, 1872. Un saggio biografico più recente è contenuto nel volume:A. Birkenmajer,Etudes d'histoire des sciences en Pologne, Studia Copernicana, vol. IV, 1972, pp. 563–78.Google Scholar
  10. [10]
    Si vedano i saggi diA. Birkenmajer:Les debuts de l'Ecole astrologique de Cracovie. L'astrologie cracovienne à son apogée L'Universitè de Cracovie, centre international d'enseignement astronomique à la fin du Moyen Age, inA. Birkenmajer,op. cit., Les debuts de l'Ecole astrologique de Cracovie. L'astrologie cracovienne à son apogée, L'Universitè de Cracovie, centre international d'enseignement astronomique à la fin du Moyen Age, pp. 469–95.Google Scholar
  11. [11]
    H. Schedel,Liber chronicarum, Nurembergae, A. Koberger, 1493.Google Scholar
  12. [12]
    G. Rosińska,Scientific Writings a Census of Manuscript Sources and Astronomical Tables in Cracow (XIVth—XVIth Centuries), Studia Copernicana, vol. XXII, 1984.Google Scholar
  13. [13]
    Le annotazioni marginali di Copernico ad Euclide e alle Tavole alfonsine furono pubblicate daA. Wolynski,Autografi di Niccolò Copernico raccolti e ordinati, Firenze, 1878. Sulle vicende della biblioteca di Copernico si vedaL. Jarzebowski,Biblioteka Mikolaja Kopernica, Toruń, 1971.Google Scholar
  14. [14]
    A. Sorbelli,Storia dell'Università di Bologna, volume I, Il Medioevo, Bologna, 1940.U. Dallari,I Rotuli dei lettori legisti e artisti dello Studio bolognese, 2 voll., Bologna, 1888–89.Google Scholar
  15. [15]
    G. Tabarroni,Copernico e gli aristotelici bolognesi, in L'Università a Bologna: personaggi, momenti e luoghi dalle origini al XVI secolo, Bologna, 1987, pp. 173–203;P. L. Rose,The Italian Renaissance of Mathematics, Genève, Droz, 1974.Google Scholar
  16. [16]
    E. Bortolotti,La storia della matematica nella Università di Bologna, Bologna, 1947.Google Scholar
  17. [17]
    L. Sighinolfi,Domenico Maria Novara e Niccolò Copernico allo Studio di Bologna, Studi Mem. Storia Univ. Bologna, Vol. V, Modena, 1920, pp. 205–36;E. Rosen,Copernicus and its Relation to Italian Science, inCopernico e la cosmologia moderna, Accademia Nazionale dei Lincei, 1975, pp. 27–37.Google Scholar
  18. [18]
    Le fonti relative alla biografia e alle attività di Copernico sono repertoriate inM. Biskup,Regesta copernicana, Studia Copernicana, vol. VII, 1973.Google Scholar
  19. [19]
    G.J. Rheticus,Narratio prima. édition critique, traduction française et commentaire par H. Hugonnard-Roche et J.P. Verdet, Studia Copernicana, vol. XX. 1982.Google Scholar
  20. [20]
    A. Favaro—R. Gessi,L'Università di Padova, Padova, 1946;C. Maccagni,Le scienze nello Studio di Padova e nel Veneto, inStoria della cultura veneta a cura di G. Arnaldi e M. Pastore Stocchi, Vicenza, 1991 vol. 3/III., pp. 135–71.Google Scholar
  21. [21]
    A. Favaro,op. cit.,R. Gessi,L'Università di Padova, Padova, 1946; p. 36. Imponenti sono ora gli studi sull'aristotelismo veneto di B. Nardi, E. Berti, A. Poppi ecc.Google Scholar
  22. [22]
    I rapporti di Copernico, con l'Università di Padova sono oggetto di studi tanto richi di congetture quanto poveri di riscontri documentari.L. A. Birkenmajer,Niccolò Copernico e l'Università di Padova, inOmaggio dell'Accademia polacca di scienze e lettere all'Università di Padova nel settimo centenario della sua fondazione, Cracovia, Tipografia dell'Università, 1922, pp. 177–274;B. Bilinski,Il periodo padovano di Niccolò Copernico (1501–1503), inScienza e filosofia all'Università di Padova nel Quattrocento a cura di A. Poppi, Trieste, Lint, 1983, pp. 223–85.Google Scholar
  23. [23]
    In generale per la storia dell'Università di Ferrara si possono consultareF. Borsetti,Historia almi Ferrariae Gymnasii, Ferrara, Pomatelli, 1735, 2 voll.;A. Visconti,La storia dell'Università di Ferrara (1391–1950), Bologna, Zanichelli, 1950.Google Scholar
  24. [24]
    Diversi lavori, tra i quali ci limiteremo ad indicare i più utilizzati, riguardano più specificatamente l'Università di Ferrara nel secolo XV:C. Foucard,Documenti storici spettanti alla medicina chirurgia e farmaceutica conservati nell'Archivio di stato di Modena, Modena, Tip. Sociale, 1885;G. Secco Suardo,Lo Studio di Ferrara a tutto il secolo XV, Atti. Mem. Dep. Ferrarese Storia patria,6 (1894);G. Pardi,Titoli dottorali conferiti dallo Studio di Ferrara nei secoli XVI e XVI, Lucca, 1901;G. Pardi,Lo Studio di Ferrara nei secoli XV e XVI con documenti inediti, Atti Mem. Dep. Ferrarese Storia patria,14 (1903), pp. 1–276;A. Franceschini,Notizia di privilegi dottorali ferraresi (sec. XV–XVI), Atti Mem. Dep. Ferrarese Storia patria S. III,19 (1975), pp. 71–161.Google Scholar
  25. [25]
    La registrazione della laurea ferrarese di Niccolò Copernico fu scoperta nel 1876 nell'Archivio notarile antico di Ferrara da Luigi Napoleone Cittadella tra gli atti del notaio Tommaso Meleghini (ora all'Archivio di Stato di Ferrara). II documento fu studiato per la prima volta da Baldassarre Boncompagni:B. Boncompagni,Nota intorno ad un documento inedito relativo a Niccolò Copernico, inTriplice omaggio alla Santità di Papa Pio IX nel suo Giubileo episcopale, Roma, Tipografia della Pace, 1877, p. 291;B. Boncompagni,Memoria intorno ad un documento inedito relativo a Niccolò Copernico, inAtti Acc. Pont. Nuovi Lincei, tomo XXX (1876–77), pp. 341–97. Il lavoro di Boncompagni fu ripreso e ampliato daG. Righini,La laurea di Copernico allo Studio di Ferrara, Ferrara, 1932.Google Scholar
  26. [26]
    La cultura ferrarese alla fine del Quattrocento è stato oggetto di vari studi dai celebri lavori di Giulio Bertoni, Riccardo Bacchelli, Michele Catalano a recenti saggi tra i quali segnaliamo:C. Vasoli,L'astrologia a Ferrara tra la metà del Quattrocento e la metà del Cinquecento, inIl Rinascimento nelle corti padane società e cultura, Bari, 1977, pp. 469–93;P. Zambelli,Giovanni Mainardi e la polemica sull'astrologia, in L'opera e il pensiero di Giovanni Pico della Mirandola nella storia dell'Umanesimo, Modena, 1965, II, pp. 205–79;E. Garin,L'ermetismo nel Rinascimento, Bari-Roma, 1988. Su Giovanni Bianchini invece gli studi sono rimasti al livello della ricognizione dei testi:L. Thorndike,Giovanni Bianchini in Paris Manuscripts, Scripta Mathematica,16 (1950), pp. 5–12; 169–80;L. Thorndike,Giovanni Bianchini in Italian Manuscripts, Scripta Mathematica,19 (1953), pp. 5–17;L. Thorndike,Giovanni Bianchini's Astronomical instrument, Scripta Mathematica,21 (1955), pp. 136–37. Il solo carteggio tra Bianchini e Regiomontano è stato più volte esaminato, il lavoro più recente è quello diA. Gerl,Trigonometrisch-astronomisches Rechnen kurz vor Copernicus, Boethius, vol. XXI, Stuttgart, Steiner, 1989.Google Scholar
  27. [27]
    A. Lazzari,Un enciclopedico ferrarese del secolo XVI, Celio Calcagnini, Atti Mem. Dep. Ferrarese Storia patria,30 (1936), pp. 83–164.A. Lazzari,La cultura scientifica a Ferrara nei tempi di Copernico, Atti Accad. Sci. Ferrara CXXV (1947–1948), pp. 115–33.Google Scholar
  28. [28]
    O. Gingerich ha condotto una serie di studi sugli esemplari della prima e seconda edizione del De Revolutionibus; si veda ad esempio:O. Gingerich,The Censorship of Copernicus «De Revolutionibus», Ann. Ist. Museo Stor. Sci.6 (1981) n. 2, pp. 45–61. Su Copernico e il copernicanesimo nel Cinquecento si veda:R.S. Westman (ed.),The Copernican Archievement, University of California Press, 1975;R. S. Westman,The Astronomer's Role in the Sixteen Century: a Preliminary Study, Hist. Sci.,18 (1980), pp. 105–47.Google Scholar
  29. [29]
    Opere di Nicola Copernico, cit. a cura di. p. 713.Google Scholar
  30. [30]
    Opere di Nicola Copernico, cit. a cura di, p. 221.Google Scholar
  31. [31]
    Le opere dei discepoli di Galileo Galilei. Carteggio 1642–1648, vol. I, a cura di P. Galluzzi e M. Turrini, Firenze, Giunti-Barbera, 1975, p. 74.Google Scholar
  32. [32]
    T. Kuhn,op. cit., pp. 243–44.Google Scholar
  33. [33]
    Le opere di Galileo Galilei a cura di A. Favaro, vol. X, Firenze, Barbera, 1934, p. 68.Google Scholar

Copyright information

© Università degli Studi di Ferrara 1993

Authors and Affiliations

  • Luigi Pepe
    • 1
  1. 1.Dipartimento di MatematicaUniversità di FerraraFerrara

Personalised recommendations