Advertisement

Il Nuovo Cimento (1877-1894)

, Volume 19, Issue 1, pp 127–130 | Cite as

Densità di un solido in cui entrino tutti I corpi semplici serbandovi le loro densità allo stato solido e suo confronto con la densità media della terra

  • A. Bartoli
Article
  • 13 Downloads

Preview

Unable to display preview. Download preview PDF.

Unable to display preview. Download preview PDF.

Literatur

  1. 1).
    I pesi atomici sono presi da Loth, Meyer e K. Seubert.Die atom. gewicht e der Elemente, Leipzig 1883. I pesi specifici dall'operaPhisikalisch-Chemische Tabellen del Landolt e Börnstoin, Berlin 1883, pag. 41 e dalRammelsberg Hanbuch der Krystallographisch-Physikalischen Chemie, Leipzig 1881-82.Google Scholar
  2. 2).
    Le densità 2,57 scritte pel carbonio è la media di quelle 3,5; 2,3; 1,9, date nel Landolt e Börnstein per le densità del diamante, della grafite e del carbon di storta.Google Scholar
  3. 3).
    Le densità delle diverse modificazioni del fosforo sono 1,83; 2,20; 2,34 (vedi Landolt e Börnstein opere citate) di cui la media è appunto 2,12.Google Scholar
  4. 4).
    Densità del mercurio allo stato solido al punto di fusione (Mallet).Google Scholar
  5. 5).
    Dal volume atomico 7,8 che ha l'ossigeno nell'acqua. (Per le regole di Kopp, si dedurrebbe in via approssimativa) la densità 15,96/7,8=2,05 (allo stato liquido): e dal volume atomico 12,2 che esso ha in altre combinazioni si dedurrebbe dalle stesse regole di Kopp (approssim. perchè le regole di Kopp sono inesatte), la densità 15,96/12,20=1,31; (allo stato liquido). Invece dalla curva di L. Meyer costruita coi pesi atomici degli elementi per ascisse e coi volumi atomici per ordinate si trae dalla posizione dell'ossigeno il volume atomico 6,8 onde si deduce per densità allo stato solido 2,35. La media di 1,31; 2,05; 2,35 è appunto 1,90.Google Scholar
  6. 6).
    Le densità dello zolfo sono 1,92; 2,07 (Landolt opere citate) di cui la media è 2,00.Google Scholar
  7. 7).
    Le densità del selenio sono 4,2 e 4,8 di cui la media è 4,5 (Landolt,l. c.). e Börnstein opere citate) di cui la media è appunto 2,12.Google Scholar
  8. 8).
    Le densità del silicio sono 2,0 a 2,4 di cui la media è 2,2 (Landolt,l.c.). e Börnstein opere citate) di cui la media è appunto 2,12.Google Scholar
  9. 9).
    La curva di L. Meyer (Die modernentheorien der chemie, Breslau 1884) dà per l'azoto solido il volume atomico 5,7 da cui la densità 2,46 che è quella scritta.Google Scholar
  10. 10).
    Dalle regole di Kopp, il volume atomico dell'idrogeno nell'acqua e negli idrocarburi ecc. sarebbe 5,5 (alle temp. di ebullizione sotto 76 cent.) onde la densità 1/5,5-0,182 che è quella trascritta. Nelle leghe col palladio il Graham calcola la densità dell'idrogeno =0,733 ma io ho preso il vol. atomico che esso ha nell'acqua e che è la combinaz. più abbondante alla sup. della terra.Google Scholar
  11. 11).
    Dal peso atomico dello Scandio, del Titanio, e dell'Ittrio, si deducono graficamente con la curva di L. Meyer, i volumi atomici 20; 11,5: 22,5 rispettivamente e perciò le densità 2,20; 4,37; e 3,98.Google Scholar
  12. 12).
    Pel fluoro il Thorpe (On the Relation between the molecular weights of substances and their specific gravities when in the liquidstate. Journal of the Chem. Soc. March 1880 pag. 151) calcola il volume atomico 9,2 allo stato liquido, dal quale si deduce la densità 19,06/9,2=2,07. Dalla curva di L. Meyer si deduce graficamente pel fluoro solido il volume atomico 10,3 onde per la densità allo stato solido 19,06/10,3=1,85. La media di queste due densità è 2,07+1,85/2=1,96 che è quella che ho trascritta.Google Scholar
  13. 1).
    Si osservi che nei composti allo stato solido i componenti serbano in molti casi il loro volume atomico. Questa regola, se non sempre, almeno in molti casi si verifica in via approssimativa Vedi i Diz. di Chimica agli ArticoliAtomico (Volume) dei solidi: Compara anche L. Meyer;Die modernen Theorien der Chemie pag, 297 (Breslau 1884). Perciò anche nel caso che i diversi elementi che compongono il solido formassero diverse combinazioni allo stato solido, si otterrebbero ancora per solido resultante densità poco diverse da quelle sopra trovate.Google Scholar

Copyright information

© Società Italiana di Fisica 1886

Authors and Affiliations

  • A. Bartoli

There are no affiliations available

Personalised recommendations