Advertisement

Il Nuovo Cimento (1877-1894)

, Volume 30, Issue 1, pp 193–207 | Cite as

Sunti di recenti publicazioni

  • A. Righi
Article

Preview

Unable to display preview. Download preview PDF.

Unable to display preview. Download preview PDF.

Letteratura

  1. 1).
    Nota presentata il 2 dicembre 1888 allaR. Acc. dei Lincei (Rend., serie 4., vol. IV).Google Scholar
  2. 1).
    Nota letta allaR. Acc. dei Lincei, il 16 dicembre 1888 (Rend., serie 4., vol. IV).Google Scholar
  3. 1).
    Ho riconosciuto dopo che questa scintilla superficiale può ottenersi anche di oltre tre metri, su varie bacinelle di vetro piene d’acqua, allineate ed isolate con cura.Google Scholar
  4. 2).
    Ho verificato dopo che può adoperarsi più economicamente ma collo stesso effetto, un filo di rame di egual grossezza.Google Scholar
  5. 3).
    R. Acc. dei Lincei, 16 giugno 1889.Rend., serie 4., vol. V, primo semestre, pag. 862.Google Scholar
  6. 4).
    Sulla visione stereoscopica—N:. Cimento, serie 2., t. XIV, (1875).Google Scholar
  7. 1).
    Rend. della R. Acc. dei Lincei serie IV, t. V;Mem. della R. Acc. di Bologna, serie IV, t. X.Google Scholar
  8. 1).
    Mem. della R. Acc. di Bologna, serie 4., t. X. (Seduta 27 aprile 1890)—La Lumière électrique, t. XXXVII, pag. 501.Google Scholar
  9. 1).
    Le ombre elettriche, N. Cimento, 3. serie, t. XI, pag. 123—Le ombre elettriche, II Memoria,Mem. della R. Acc. di Bologna, 4. serie, t. III, (1882)—Spostamenti e deformazioni delle scintille etc., N. Cimento, 3 serie., t. XII, pag. 188—Sulla convezione elettrica, Rend. della R. Acc. dei Lincei, 2 marzo 1890.,—Sui fenomeni elettrici provocati, dalle radiazioni, I, II e III Memoria,N. Cimento, 1888, 1889, 1890.Google Scholar
  10. 1).
    Memorie della R. Acc. di Bologna, serie IV, t. X, pag. 217; serie V, t. I. pag. 139.Google Scholar
  11. 1).
    Si dimostra infatti che l’identità si verifica auche se si considera un polo maguetico al posto dell’elemento di corrente.Google Scholar
  12. 1).
    Per esempio, ammettendo una formola elettrodinamica che non soddisfa alle sei condizioni seritte, può accadere che mentre un elemento magnetico dato ha la stessa azione sopra un dato elemento di corrente, che un piccolo circuito chiuso perpendicolare all’elemento magnetico e percorso da una corrente di opportuna intensità, le azioni esercitate dall’elemento di corrente sull’elemento magnetico e sul piccolo circuito, risultino alquanto differenti fra loro.Google Scholar

Copyright information

© Società Italiana di Fisica 1891

Authors and Affiliations

  • A. Righi

There are no affiliations available

Personalised recommendations