Advertisement

Mathematische Annalen

, Volume 89, Issue 3–4, pp 272–297 | Cite as

La curva razionale normale ed i suoi gruppi proiettivi

  • Annibale Comessatti
Article

Preview

Unable to display preview. Download preview PDF.

Unable to display preview. Download preview PDF.

References

  1. 1).
    Saggi d'una teoria geometrica delle forme binarie [Rendic. Accad. Lincei29 (1920), S. 313–316, 344–346, 398–401;30 (1921), S. 44–48].Nuovi contributi geometrici alla teoria delle forme binarie [Rendic. Ist. Lombardo54 (1921).Google Scholar
  2. 2).
    Si tratta in sostanza d'una generalizzazione delprincipio di trasporto di Hesse [Ein Übertragungsprinzip, Journ. für Math.66 (1867), S. 15–21], alla quale Klein accenna nel suoProgramma [Ann. di Mat.17 (1889–90), S. 307–343, § 5] e Lie dedica alcune pagine d'un suo trattato [Lie-Scheffers:Vorlesungen über kontinuierliche Gruppen, Leipzig, Teubner 1893, Kap. 23]. Casi particolari eleganti si trovano in Klein,Elementarmathematik, ecc. [Leipzig, Teubner 1911], vol. 1o, Parte 2a, 1, 3, e Brusotti:Sulla curva razionale normale ecc. [Ann. di Mat. (3)9 (1904), S. 311–352]; ma in quest' argomento il lavoro più notevole e più vicino al nostro punto di vista, è l'importante memoria di Fano,Sulle varietà algebriche con un gruppo continuo non integrabile di trasformazioni proiettive in sè [Memorie Acc. Torino (2)46 (1896), S. 187–218] che, nel seguito, richiameremo più volte, citando il solo nome dell' Autore.Google Scholar
  3. 3).
    In talune questioni aritmetiche dove non è opportuno prescindere dal fattore di proporzionalità, giova assumere lea i come coordinatenon omogenee di punto in unS n+1. Cfr. Pincherle,Una interpretazione geometrica ed una estensione della divisibilità dei polinomi [Periodico di Mat. (4)1, no 4, S. 276–282].Google Scholar
  4. 4).
    Cfr. Bertini,Introdueione alla geometria proiettiva degl' iperspari [Pisa, Spoerri, 1907], Cap. 12o, N. 8.Google Scholar
  5. 5).
    Cfr. Fano, no 22, Brusotti, loco cit. no 3.Google Scholar
  6. 6).
    Nella MemoriaSul modello minimo della varietà delle m-ple non ordinate, ecc. [Ann. di Mat. (3)27 (1917), S. 1–40], Bordiga ha dimostrato che il modello minimo per laM n+m (cioè la varietà di minimo ordine che rappresenta le coppie predette senza eccezioni) è dato, almeno per il caso di spazî della stessa dimensione, dalla notavarietà di Segre.Google Scholar
  7. 7).
    Cfr. Fano, § 3.Google Scholar
  8. 8).
    Cfr. Bertini,Introduzione, Cap. 12o, no 19.Google Scholar
  9. 9).
    Occorrerà naturalmente fissare il ϱ. Nel seguito, quando ciò non possa dar inogó ad inconvenienti porremo addirittura ϱ=1.Google Scholar
  10. 10).
    Si veda ad es. la dimostrazione di questo téorema (dovuto ad Aronhold) esposta nel trattato di Enriques-Chisini,Teoria geometrica delle equazioni [Bologna, Zanichelli] Vol. 1o, Cap. Io, no 2.Google Scholar
  11. 14).
    Cfr. Fano, no 11.Google Scholar
  12. 15).
    Cfr. Fano, no 15, nota 4.Google Scholar
  13. 16).
    Ibidem, Cfr. Fano, no 15, nota 4.Google Scholar
  14. 17).
    Ibidem, Cfr. Fano, no 14, nota 4.Google Scholar
  15. 18).
    Diciamogenerica, giacchè se unaV 3 diW si spezza in più parti, ognuna di queste è, in senso proprio, una traiettoria.Google Scholar
  16. 19).
    Comunemente questa proposizione si dimostra ricorrendo alla relazione tra grado e peso d'un invariante: alla quale per ora non vogliamo fare appello.Google Scholar
  17. 20).
    Sappiamo già (no 3) che i punti dij=0 sono imagini delle quaterne armoniche: quelli dii=0 rappresentano invece le quaterne equianarmoniche. Questa notissima proprietà può ad es. dimostrarsi ricorrendo all' espressione (20).Google Scholar
  18. 21).
    Precisati opportunamente i fattori numerici, questa relazione comunemente si scrive sotto la forma 27d 4=i 3−6j 2.Google Scholar
  19. 22).
    Cfr. Torelli,Dimostrazione di una formula di de Jonquières, ecc [Rendic. Palermo21 (1906)], formula (1).Google Scholar
  20. 23).
    Severi,I gruppi neutri con elementi multipli di un' involuzione sopra un ente rasionale [Rendio. Accad. Lincei (5)9 (1900), S. 379–382], formula (2).Google Scholar
  21. 24).
    S' intende che il simbolo (ab)k va sviluppato come se fosse relativo ad unaf k di coefficientia o,a 1,...,a k. Questa avvertenza valga per casi ansloghi che incontreremo di frequente nel seguito.Google Scholar
  22. 25).
    Perk=n−1 l'inviluppo riducesi alla stellaU contata due volte.Google Scholar
  23. 26).
    Quest' ordine si determina facilmente con procedimento analogo a quello del no 12.Google Scholar
  24. 27).
    Per esempio: la molteplicità di un puntoi-plo delG n per i snoi gruppi polari:il teorema di permutabilità nella sua forma più generale: Il gruppo polare misto diO 1,O 2,...,O h rispetto ad unG n coincide col gruppo polare misto diO 1,O 2,...,O t rispetto alG n−(n−t), polare diO t+1,...,O k rispetto alG n, lalegge di reciprocità, ecc.Google Scholar
  25. 28).
    Cfr. Loria,Sulle curve razionali normali in uno spazio a n dimensioni [Giorn. di mat.26 (1888), S. 334–347], no 14.Google Scholar

Copyright information

© Springer-Verlag 1923

Authors and Affiliations

  • Annibale Comessatti
    • 1
  1. 1.Padua(Italien)

Personalised recommendations