Advertisement

6 anni di Change Management nell’UOC Medicina di Laboratorio dell’Azienda ULSS 5 Polesana: effetti positivi su benessere organizzativo e turn around time

  • Gloria BadinEmail author
  • Simone Bedendo
  • Maurizio Fagiano
  • Alessandro Camerotto
  • Edgardo Contato
Articolo originale
  • 36 Downloads

Riassunto

Premesse.

Nel 2010, in corrispondenza di un rinnovo del team manageriale dell’UOC (Unità Operativa Complessa) della Medicina di Laboratorio dell’AULSS 5 Polesana, è stata condotta un’indagine sul benessere organizzativo all’interno dell’equipe del comparto. Dal questionario è emerso sostanzialmente un clima di malcontento generale. La nuova leadership ha adottato una serie di strategie manageriali, impattanti anche su aspetti operativi, atte a modificare tale situazione. Per garantire un monitoraggio dell’operato e valutare se le strategie migliorative introdotte avessero mutato la percezione del benessere organizzativo da parte dei lavoratori, nel 2016 è stato ripetuto il questionario all’interno dell’UOC e ne sono stati analizzati i risultati, valutando, inoltre, se il benessere organizzativo impattasse sulla produttività dell’UOC e sulla riduzione degli indici di stress lavoro correlato.

Metodi.

Sono stati confrontati i questionari 2010/2016 composti da 30 domande relative a 7 diverse aree di indagine. Nel 2010 hanno aderito su base volontaria alla compilazione del questionario 20 lavoratori su 30, rappresentativi del 66% del totale. Nel 2016 hanno aderito volontariamente 27 lavoratori su 28, rappresentativi del 96% del totale. Le strategie di cambiamento introdotte hanno riguardato: Delega/Fiducia, Mission statement, Leadership partecipativa, Trasparenza gestionale, Mapping delle competenze, Formazione sul campo, Feedback dei risultati raggiunti, Cambiamento del modello organizzativo e della turnistica. Per valutare l’impatto sulla produttività/efficacia si è scelto di analizzare il TAT (Turn Around Time) ovvero il tempo intercorso tra la presa in carico della richiesta e la validazione clinica dell’esame, correlandolo al volume totale di prestazioni richieste e al carico di lavoro pro-capite. Lo stress lavoro-correlato è stato valutato facendo riferimento al tasso di assenteismo.

Risultati.

L’analisi dei risultati del questionario, svolto a distanza di 6 anni, mette in luce gli effetti positivi delle strategie di management sopra delineate: un netto miglioramento della soddisfazione dei lavoratori nel rapporto con i superiori, leadership e pianificazione, rapporto con i colleghi, indicatori positivi, area sicurezza. Questi elementi hanno sortito un effetto positivo quantificabile anche sull’efficienza del processo analitico. Pur nella difficoltà di oggettivazione del dato, è stato valutato nella discussione il contenimento degli indici di stress lavoro-correlato.

Conclusioni.

Questo studio ha messo in luce come, in ambito sanitario, la gestione delle risorse umane vada considerata vero core business dell’organizzazione. Il miglioramento del benessere dell’organizzazione si traduce in un aumento della performance dell’Unità Operativa.

Parole chiave

Change Management Benessere organizzativo Gestione risorse umane 

6 years of Change Management in the UOC Laboratory Medicine of the ULSS 5 Polesana: positive effects on organizational wellness and turn around time

Summary

Background.

In 2010, at the renewal of the management team of the UOC (Complex Operational Unit) at Laboratory Medicine of the AULSS 5 Polesana, a survey was conducted about the organizational wellness of the technical team. A climate of general discontent emerged from a questionnaire. The new leadership has adopted a series of managerial strategies, also impacting on operational aspects, capable of modifying this situation. To ensure monitoring of the work and assess if the improved strategies introduced, had changed the perception of organizational wellness by the workers, in 2016 the questionnaire was repeated and the results were analyzed. Furthermore, we want to understand if act on organizational wellness, has also an impact on the productivity of the UOC and on the reduction of the correlated work stress indices.

Methods.

The 2010/2016 questionnaires were compared, composed of 30 questions related to 7 different areas of investigation. In 2010, 20 out of 30 voluntary workers participated to fill out the questionnaire, representing 66% of the total. In 2016, 27 out of 28 workers expressed favorable consent to the completion of the questionnaire, representing 96% of the total. The change strategies introduced were: Proxy/Trust, Mission Statement, Participative Leadership, Transparency Management, Competence Mapping, Field Training, Feedback on the results achieved, Change of organizational model and shifting. To evaluate the effectiveness of the provided analytical performance, it was decided to analyze the TAT (Turn Around Time), i.e. the time elapsed between taking care of the request and the clinical validation of the examination, according to the total volume of required performances and per capita workload. To assess work-related stress, the rate of absenteeism was arranged.

Results.

The analysis of the results of the questionnaire carried out after 6 years highlights the positive effects of the management strategies outlined above: a clear improvement in the satisfaction of workers in the relationship with superiors, leadership and planning, relationship with colleagues, positive indicators, security area. These elements have had a positive quantifiable effect also on the efficiency of the analytical process. Despite the difficulty of objectiveness of the data, the containment of the correlated work stress indices was evaluated in the discussion.

Conclusions.

This study highlighted how, in healthcare, the management of human resources must be considered the true core business of the organization. Improving the organizational wellness translates into an increase in laboratory performance.

Keywords

Change Management Organizational wellness Human resources management 

Notes

Conflitti di interesse

Nessuno.

Consenso informato

Gli autori dichiarano di non aver alcun conflitto di interesse.

Studi condotti su esseri umani e animali

Per questo tipo di studio non è richiesto l’inserimento di alcuna dichiarazione relativa agli studi effettuati su esseri umani e animali.

Bibliografia

  1. 1.
    Avallone F, Bonaretti M (2003) Benessere organizzativo per migliorare la qualità del lavoro nelle pubbliche amministrazioni. Rubbettino Editore, Soveria Mannelli (CZ) Google Scholar
  2. 2.
    Abernethy M, Stoelwinder J (1995) The role of professional control in the management of complex organizations. Accounting Organizations and Society 20:1–17 CrossRefGoogle Scholar
  3. 3.
    Colì E, Giachi L, Giuffrida S et al. (2012) Il benessere, il clima e la cultura delle organizzazioni: significati ed evoluzione in letteratura. Realizzato nell’ambito del progetto di Indagine sul benessere organizzativo nel CNR. Consiglio Nazionale delle Ricerche, Roma Google Scholar
  4. 4.
    Benevene P (2010) Il capitale umano del terzo settore. Le sfide della formazione e della gestione. Maggioli Editore, Santarcangelo di Romagna (RN) Google Scholar
  5. 5.
    Avallone F, Paplomatas A (2005) Salute organizzativa. Psicologia del benessere nei contesti lavorativi. Raffaello Cortina Editore, Milano Google Scholar
  6. 6.
    Donesky D, Reid T, Joseph D et al. (2016) TeamTalk: Interprofessional team development and communication skills training (FR482B). Schedule with Abstracts 51:382–383 Google Scholar
  7. 7.
    Covey SR, Link G, Merrill R (2013) Smart trust. La fiducia intelligente. Franco Angeli Editore, Milano Google Scholar
  8. 8.
    Drago D (2012) Le competenze professionali dell’ortottista nella riorganizzazione della sanità. Abstract della relazione presentata al convegno “Nuovo Progetto di Sanità: problematiche e proposte delle Professioni Sanitarie” Sala dei gruppi parlamentari di Montecitorio, Roma 29 maggio 2012. Prisma Periodico quadrimestrale. Editore AIOrAO, Taormina (ME) Google Scholar
  9. 9.
    Pellegrino F (2007) Valorizzare le risorse umane. Mediserve, Milano–Firenze–Napoli Google Scholar
  10. 10.
    Attolico L (2012) Innovazione Lean. Strategie per valorizzare persone, prodotti e processi. Hoepli, Milano Google Scholar
  11. 11.
    Nicosia PG, Nicosia F (2008) Tecniche lean in sanità. Più valore, meno spreco, meno errori col sistema Toyota. Franco Angeli Edizioni, Milano Google Scholar
  12. 12.
    Tanaka M (1998) Il segreto del Kaizen. Guida operativa per il successo nel miglioramento aziendale. Franco Angeli Edizioni, Milano Google Scholar
  13. 13.
    Camerotto A, De Toni S, Ruggeri I et al. (2002) L’attenzione nei confronti del cliente. L’esperienza del Servizio di Medicina di Laboratorio, Ospedale S Luca di Trecenta, nell’applicazione della norma UNI EN ISO 9001-2000. Riv Med Lab–JLM 3:52–58 Google Scholar
  14. 14.
    Rebora G (2015) La misurazione delle performances nella pubblica amministrazione: stato dell’arte e criticità, MAPS 1/15, pp 57–60 Google Scholar
  15. 15.
    Rotondi M (2016) Age management nelle aziende sanitarie. Modelli, esperienze, pratiche Edizioni RUSAN—EMI Google Scholar
  16. 16.
    Di Nuovo S, Zanchi S (2008) Benessere lavorativo: Una ricerca sulla soddisfazione e le emozioni positive nella mansione. Giornale di Psicologia 2:7–18 Google Scholar
  17. 17.
    Deitinger P, Nardella C, Bentivenga R et al. (2009) D. Lgs 81/2008: conferme e novità in tema di stress correlato al lavoro. G Ital Med Lav Erg 31:154–162 Google Scholar
  18. 18.
    Cartabellotta A (2016) Appropriatezza professionale: la chiave per la sostenibilità della sanità pubblica. Fondazione GIMBE, Bologna. https://www.gimbe.org/report_attivita/pubblicazioni/articoli/20160806-OdM_Brescia.pdf (Accesso 2 novembre 2018)
  19. 19.
    Gabassi PG (2006) Psicologia del lavoro nelle organizzazioni. Franco Angeli Edizioni, Milano Google Scholar
  20. 20.
    Cartabellotta A (2016) Il diritto alla salute tra tagli e sprechi: quale futuro per il sistema sanitario nazionale. Atti della Accademia Lancisiana. http://www.attidellaaccademialancisiana.it/uploads/allegati_articolo/Cartabellotta%20Prolusione.pdf (Accesso 2 novembre 2018)
  21. 21.
    Lyden JA, Klingele WE (2000). Supervising organizational health. Supervision Google Scholar
  22. 22.
    Raymond JS, Wood DW, Patrick WK (1990) Psychology doctoral training in work and health. American Psychologist 45:1159–1161 CrossRefGoogle Scholar
  23. 23.
    Quaglino GP (2010) Clima e motivazione. Scritti di formazione 5 (1992–2009). Franco Angeli Edizioni, Milano Google Scholar

Copyright information

© Società Italiana di Patologia Clinica e Medicina di Laboratorio 2018

Authors and Affiliations

  1. 1.Ortottista e Assistente di OftalmologiaUOC Oculistica AULSS 5 PolesanaRovigoItalia
  2. 2.Responsabile Tecnico di Dipartimento UOC Medicina di Laboratorio AULSS 5 PolesanaRovigoItalia
  3. 3.Coordinatore Tecnico UOC Medicina di Laboratorio AULSS 5 PolesanaRovigoItalia
  4. 4.Direttore UOC Medicina di Laboratorio AULSS 5 PolesanaRovigoItalia
  5. 5.Direttore Sanitario AULSS 5 PolesanaRovigoItalia

Personalised recommendations